venerdì 26 novembre 2010

trasloco (da libero a blogger)

RESET
SOTTOTITOLO:QUESTO VENTO DI PASSIONI
Uscimmo dal cinema che era già mezzanotte inoltrata.
Era stato tutto bellissimo. I cavalli, l'indiano, l'orso, la guerra, il sangue, il cuore in mano, la follia, la morte. La Passione.
Svoltammo  a sinistra , a passo veloce. L'aria era  ancora fredda eppure il giorno dopo sarebbe stato maggio. Sarebbe stata festa. Sarebbe stato bello. Sarebbe.
Un ciao veloce ad A. che abita ancora a dieci passi da me e poi la corsa su per le scale. Domani è festa, domani è bello; domani.
Quel domani che non c'è mai stato. Che ancora adesso mi manca. Che è diventato ieri prima che lo si potesse viveve.
Non è servito a niente dirti che dopo di te nessuno mai. Che mi stavi strappando il cuore e già lo vedevo lì, nelle tue mani , pulsante vivo caldo intero; ma non era quello che mi mancava.
In realtà mi hai amputato un arto.  A volte è un braccio, più spesso è una gamba. E cado. Cado spesso da quindici anni a questa parte. Dalle scale, per la strada, nella vita.
Il cuore me lo sono ripreso. Amo ancora e soffro ancora e vivo ancora ma quell'arto non mi è più ricresciuto .

Ho sceso milioni di scale, scrisse il Poeta, e dopo di te è il vuoto ad ogni gradino.
nessun dolore




NEL GRIGIO
Attraversiamo il porticato che congiunge piazzale Diaz a Piazza Duomo e inciampo in un mazzo di ombrelli lasciato a terra dal cambogiano di turno che  mi fulmina con lo sguardo proprio mentre sto per chiedergli scusa e mi scappa la poesia e pure la cortesia di chiedere scusa che intanto quello è suolo pubblico e lui nemmeno ha la licenza per venderli quegli ombrelli come io non ho la licenza di uccidere e ne deduco che a questo punto il fortunato è lui visto che la parte offesa sono io ma tiro avanti e me ne fotto.
Il duomo senza impalcature non sembra nemmeno il duomo.  Non sembra nemmeno bello,per cui è con grande rammarico che ti devo dare ragione; Il duomo non è altro che una maestosa cozzaglia ma come tutte le cozze che si rispettano c'ha il suo bel perchè e attira sempre.

Una pioggerella fine fine mi bagna la faccia. Ricordo quel giorno che ho comprato un paio di collant "fumo di Londra" perchè mi dicesti che quel colore faceva tanto "sexi"; dovrebbero farle anche "grigio Milano", tanto per rilanciare il made inItaly.
Eppure Milano era grigia anche quel giorno di metà giugno e la scuola era finita e il sole splendeva. Capolinea a Porta Romana e poi si prendeva il 13 per arrivare in duomo; ma tra un tram che partiva e uno che arrivava noi la si faceva sempre a piedi con Vasco che cantava UNA SPLENDIDA GIORNATA attraverso le cuffie dei nostri Walkman. La sera stessa K. che era ancora amica mia,me l'aveva dedicata per radio ed io mi ero quasi commossa perchè sentire il tuo nome alla radio e sapere che quella sei proprio tu ti fa sentire quel brivido lungo la schiena, é un pò come la storia delle cozze che piacciono o meglio che piacciono a te mentre  agli altri non gliene può fregare di meno.

Pensavo a queste cose eppure riuscivo a captare i pensieri della Manu che c'ha un uomo talmente pirla che va al motel e paga con la carta di credito così lei adesso sa quando e dove ma non immagina CHI.  (ma chettenefrega una cozza vale l'altra ma non basta una vita per capirlo e non glielo dico)  e intanto (in)seguivo i discorsi della Fede che è bella, bellissima ma non tace mai neanche a schiacciarla in mezzo a una porta. Ho afferrato sotto unbraccio la Rosy  che diventa sempre più esile ogni anno che passa e improvvisamente mi sono sentita stanca.
E Milano è grigia, il duomo è una cozza, i giapponesi sono troppi, i mendicanti non li guarda nessuno , K. non è più amica mia  e Milano è grigia, se ancora non s'era capito.


NE VINCITORI, NE VINTI
Ho fatto la guerra alle cimici. Mi sono strofinata le mani con la candeggina per togliere l'odore delle cimici e mi è rimasto addosso l'odore della candeggina.
L'odore della bistecca nel piatto mi ha fatto pensare all'odore di M. che era di un carnivoro pazzesco. La pelle di M. era giovane , liscia, compatta e sapeva di buono , sempre, anche quando era sudato, sporco, persino quando tornava dalla cava dove ci pescava dei pesci che sapevano di marcio e il bagagliaio della  mia auto sapeva di pesce andato a male perchè la mia auto per andare a pescare era meglio della sua. L'odore della sua auto sapeva di Arbre magique alla menta perchè "illo tempore" c'era solo quello.
L'odore dell'auto di mio padre sapeva di cane. Anzi di cagna. La cagna si chiamava Pinta ed era proprio una bella cagna ed era pure brava a scovare i fagiani che cadevano abbattuti nella riserva di caccia. Mio padre indossava sempre un giubbotto verde con tante tasche o forse era una tasca unica con due fori ai lati per far passare le braccia e quando lo indossava sapeva di muschio e foglie morte e funghi buoni da mangiare e per farci il sugo quando viene Natale.  Il Natale sapeva di capriolo e di lepre in salmì. Quella volta che al posto della selvaggina ci fu il capitone vomitai anche l'anima ma la colpa era di un embrione che poi sarebbe diventato feto che poi sarebbe diventato una bambina ma ancora non lo sapevo. Quando mi portarono la bambina, qualche ora dopo la nascita, sapeva di alcool. Cinque giorni dopo , a casa, sapeva di borotalco e pasta Fissan. Mia madre ha lo stesso odore che aveva nonna e pure zia Caterina. Odore di bucato. Sapone di Marsiglia. Lo stesso sapone che galleggiava nell'acqua tiepida del mastello dove uno dopo l'altro entravamo per il sacro lavacro della sera. Avevamo tutti lo stesso odore. L'odore di sbobba della mensa della scuola. La scuola sapeva di vecchio. Come vecchia mi sembrava l'allora quarantenne maestra delle elementari che sapeva di caramelle Golia.
Le mie mani sanno ancora di candeggina. Se bevi la candeggina non muori perchè fa così schifo che la sbocchi subito e  ti tocca pure andare al pronto soccorso dove ti fanno una lavanda gastrica e poi ti ricoverano in neurologia; così mi ha detto una giovane donna che ho incontrato sull'ascensore durante uno dei tanti ricoveri di mia madre . Però quella donna non sapeva di candeggina. Sapeva di tristezza ma più dentro ancora credo che sapesse di disperazione.
Oggi ho fatto la guerra alle cimici.
E' stata una guerra alla pari credo.
Il loro odore contro il mio.
 ---------------------------------------------------------------------------
il commento del Roby:gli odori sono la nuova meta di induzione a comportamenti aseticci e compulsivi della società,nella tua "biodiversità" olfattiva la candeggina è solo strumento di aggressione, scuro, in un paesaggio di luce, sereno ...



*
ANCHE MACONDO DOCET
A Dimostrazione del fatto che non abbiamo bisogno di facebook per incontrare gente.
post ricaricarito ma tantosisachespessosileggonosololaprimael'ultimarigapercuiadessoleggeteviilcentroesealzateilditovelotaglio.

Un anno e mezzo lontana da Macondo. Un anno e mezzo senza pensarci e senza volerci  nemmeno pensare.
H. 14, 20: è tardissimo. Non salgo in macchina. Mi ci tuffo e volo (come sempre) in coperativa. Silvana mi starà già aspettando; ma non è Silvana che mi entra nei pensieri , è (il) Maurizio. E non riesco a togliermelo dalla testa: Maurizio , bianco come un lenzuolo, sembra uno zombie. Quella sera ci mancò poco che finisse in coma. Fortuna che c'era Mario (lo zingaro) che gli camminava dietro. Si precipito' su di lui appena lo vide stramazzare a terra , all'indietro, con le braccia aperte. Sembrava il Cristo in croce. La bocca serrata, gli occhi all'indietro. Se lo carico' su una spalla e lo portò a casa. Gli diede un paio di schiaffoni e lo butto' sotto la doccia fredda, poi gli mise un dito in bocca e lo fece vomitare. (il) Maurizio , piano piano, si riprese. Lo lascio' semi nudo sul divano e uscì perchè adesso che era finalmento riuscito a farlo rinvenire gli veniva voglia di ammazzarlo.
Entrò nel bar come era solito fare. Spinse  con violenza la porta d'ingresso che andò a sbattere contro la slot machine.  Si appoggiò con entrambe le braccia al bancone e mi ordino' un caffè corretto sambuca e incomincio' a raccontare quello che era successo poco prima. Guardai sotto la sua maglietta. Non era armato. Tirai un sospiro di sollievo. E fai bene a sospirare , mi disse, che se non era per me quello stasera finiva morto stecchito.
La porta, dietro di lui si aprì di nuovo. Più lentamente questa volta ed entro' (il) Maurizio.
Mario (lo zingaro) diede una manata alla  tazzina del suo caffè corretto che cadde rumorosamente dentro il lavello d'acciaio. Mi guardò bene in faccia. Capii.
(il) Maurizio, bianco come un cencio e lo sguardo vuoto di chi ormai vede solo il vuoto aspettava con ansia il suo campari col gin. Gli misi una tazza di caffè doppio amaro davanti. Annuì rassegnato e se lo bevve poi sempre a passo di zombi uscì dal bar e non lo rividi più.
C'è una distesa di orti dietro la coperativa. Coltivazione biologica. Produzione e vendita diretta.
Parcheggio la macchina e scendo.
C'è un uomo a sorvegliare i campi ma non è il solito "camperos".  Sembra (il) Maurizio, ma è un'allucinazione, credo, è solo suggestione.  Mi avvicino. Eppure quello non è il "camperos" di sempre.
(Il) Maurizio mi guarda con aria incredula. Io sono incredula.
Ciao, come stai? Mi porge la mano. Gliela afferro. Me la stringe. Anche tu qui. Adesso lavoro per la D.dk. mi dice. Io per la ISm rispondo.
Non chiedo di Macondo. E' un capitolo chiuso. E' un inferno passato. Non voglio più saperne.
Ecco perchè ti ho pensato. Ti stavo venendo incontro.
Sono perplessa.
Siamo energia pura dicono.
Probabilmente è vero.
 *

IO E LA IRE

pensiero. chi mi conosce abbastanza bene non pensa che io sia una merda. tanto meno chi mi conosce molto bene non pensa che io sia una merda. nemmeno i miei parenti più stretti  pensano che io sia una merda (a parte una cugina di secondo grado che però non tengo più tanto in considerazione). ed anche qui, dentro questa scatola, sia in libero che in feisbuc, non si pensa - per lo più - che io sia una merda. però. c'è qualcuno, e quando dico qualcuno dico uno in particolare, che - da molti anni - è convinto che io sia una merda. probabilmente dagli stessi anni in cui - più o meno - anche un'altra persona pensa che esterina sia una merda. quindi. nessuno di noi che conosce esterina abbastanza bene pensa che esterina sia una merda. se poi la conosceste di persona, anche per poco tempo (e vi assicuro che vi basterebbe guardarla negli occhi), capireste che lei non può affatto essere una merda. dunque. ci sono al mondo almeno due persone che pensano (e a volte sono così reali)  che io ed esterina siamo due merde. così. è andata a finire che - nel corso di tutto questo tempo - io ed esterina ci siamo quasi quasi convinte di essere due merde. ma però. due belle merde, su questo non si scherza. ora. esterina mi scrive che lei si siede ed aspetta sulla riva del fiume. io - dal canto mio - son perfino stanca di 'sto fiume che mi scorre implacabile davanti e di fianco e di dietro (comunque mi giro), ed il mio culo è diventato quadrato dal tanto aspettare. se non che. resta il fatto che restiamo e siamo due merde. due bellissime grandi grosse poderose merde. che aspettano sulla riva del fiume. riflessione. con domanda. quante possibilità ci sono che due - e dico due - merde vengano pestate e che quel qualcuno scivoli inesorabilmente dentro il fiume?
...prima o poi.
...o no
diluviaAnzi viene giu' a secchiate e come  luccica tutta la mia macchinina che non me lo ricordavo neanche più che fosse di un rosso così bello anzi m'ero abituata a vederla ricoperta  di aghi di pino e di resina e di cagate di ogni sorta e razza di uccello e mi sa che l'avevano proprio presa di mira perchè se mi guardo intorno quando c'è il sole soltanto la mia macchina sembra una trina per uccelli e intanto diluvia, anzi viene giù a secchiate e ho le spalle fradice e non so se è colpa dell'ombrello che è troppo piccolo o se è la solita storia delle spalle larghe e allora sposto la mia attenzione sui miei piedi che fanno ciak ciak dentro le ballerine allagate e pensa come sarebbe bello se mi arrivasse una secchiata dentro il cervello con tutti i pensieri che resterebbero lì a galleggiare , belli rilassati come quando si fa il bagno al mare e ci si mette nella posizione del morto che poi è la mia preferita e poi pensa se mi arrivasse una bella secchiata pure sull'anima che almeno si lava tutta, si purifica e tutti i peccati vanno a farsi benedire pure loro sotto il diluvio e domenica mattina la faccio pure io la comunione sotto lo sguardo scandalizzato delle signore perbene che  si metteranno una mano davanti alla faccia per ripararsi dal vomito verde che potrebbe uscire dalla mia bocca e l'esorcista del paese è morto un paio d'anni fa e non hanno ancora trovato nessuno che lo sostituisca. E intano diluvia, anzi viene giù a secchiate e quasi quasi mi metto a ballare SINGING IN THE RAIN in mezzo alla strada e chissà che non sia la volta buona che mi portano via, mi chiudono dentro e buttano via le chiavi e chi s'è s'è visto s'è visto.    FINITO.
 DONNE
Donne , donne e intanto siamo donne solo quando apriamo le gambe, poi ritorniamo ad essere una tra tante, tante tra mille e una su mille ce la fa e poi si scopre che pure la migliore non ce la più e beve di nascosto. Almeno Luisella beveva e basta. Beveva e se ne fotteva e le prendeva pure, pestata a sangue una sera si e una sera no da quello che poi un pomeriggio l'hanno portato via in manette ancora col suo bicchiere col campari col bianco in mano perchè cazzo almeno fatemi finire di bere e invece no ammanettato col bicchiere in mano e tanti saluti e baci, al bicchiere.
Donna che ti amerò tutta la vita se resto solo ma da quando  hai trovato una che ti apre le gambe tutti i giorni ti dimentichi persino di avere un figlio e se non mi fosse venuto il dubbio quel giorno restava a scuola a far compagnia alla bidella e a suor Gisella.
Donna donna che adesso vado in libreria e vado avanti a leggere Un cappello pieno di ciliege che ormai sono arrivata a pagina 30 e cosa lo compro a fare. Tanto il commesso è un ciccione che non se lo fila nessuna e magari gli piace anche vedermi lì a leggere e magari se apro le gambe mi regala mezza libreria ma come si fa ad aprire le gambe con uno così. Solo al pensiero mi si chiudono da sole.
Donne donne che siamo tutte brave e forti e poi si scopre che la migliore beve di nascosto e la maggior parte apre un blog e comincia per scherzare e finisce che ci vomita dentro anche l'anima.
Donne donne che oltre le gambe c'è di più però bisogna aprirle , le gambe...eh...


16 LUGLIO
La temperatura percepita è di gran lunga superiore alla mia temperatura corporea.
Le radici dell'albero che mi ripara un poco dai raggi del sole hanno spaccato il terreno e sembrano artigli minacciosi. Il fusto è tutto proteso in avanti come se volesse camminare . Io, al contrario, non ho nessuna intenzione di muovermi; me ne sto qui , seduta su questi grossi artigli che mi fanno pure male al culo e aspetto. C'è un silenzio spettrale. Questo posto è spettrale.  Nessuna mosca noiosa, neanche una cicala, una coccinella, un grillo fuori orario. Niente di niente. Sono tutti morti, penso. Eppure c'è un campo di grano a pochi passi da qui e di fianco a me ci sono delle spighe e se ci sono delle spighe ci saranno anche i papaveri. Ma dove sono i papaveri? Niente papaveri.  E facciamo a meno anche dei papaveri che era così bello trovarli ancora chiusi e aprirli per scoprirne il colore. Se era rosa lui ti amava poco ,se era rosso lui ti amava tanto. Ma anche questo è stato tanto tempo fa.
Stamattina alla messa di chiusura dell'oratorio estivo mi veniva quasi da piangere a guardare i SOTTOSOPRA . Ci ho messo quasi mezz'ora ad individuare il ciccio poi all'improvviso  eccolo là, nella sua maglietta verde . Se li avessero divisi per squadra l'avrei trovato subito ma stavano tutti alla rinfusa: i verdi, i gialli , i rossi, i blu ( i guelfi e ghibellini...no, loro no...) e quando all'offertorio si sono messi a cantare "nel  vento dell'estate ondeggia il frumento" facendo ondeggiare le braccia da destra a sinistra e da sinistra a destra mi è venuto proprio il magone e mi sono messa ad ondeggiare anch''io sotto lo sguardo incredulo di mia cugina che mi ha afferrato le braccia dicendo: biffina tu non ce la fai più...! E' vero. Io non ce la faccio più. Però lo vedi quel ciccio con la maglietta verde e un casco esagerto di capelli sulla testa ? Ecco lui ce la farà sempre. Lui non dovrà imparare a volare. Lui non dovrà mai chiedere. E questo mi basta.
Guardo il frumento che mi sta accanto e mi accorgo che sta ondeggiando. Vuoi vedere che se mi concentro bene riesco anche a  materializzare qualche papavero???????

ANNASPO
E' tutto il giorno che annaspo. Ho persino messo la testa fuori dalla finestra ma faceva un freddo picchio e il picchio picchia di brutto; il freddo cane al confronto è una brezza.
Questa è stata la settimana delle scimmie e dei picchi . 30 goccie di delorazepam (che costa meno perchè è un generico ma è uguale a quello che costa tanto ma non fa un cazzo pure lui, per cui tanto vale buttarsi sul generico) e anche le scimmie antropomorfe le abbiamo sistemate e pure  il picchio rosso sta bello incollato sotto la spataffiata di dove vive e cosa mangia e come si riproduce.  E  a proposito di animali....domani è il 7 di marzo e pensa se saltasse fuori come dal nulla, come quella volta che saltò fuori dal nulla, quella maglietta con scritto sopra sei una merda perchè mi pacerebbe tanto spedirla al mio congiunto, visto che per il cielo siamo ancora congiunti, tanto per vedere l'effetto che fa nel  momento in cui la sua nuova congiunta, ma solo per lo Stato, per il cielo no, riceve la suddetta maglietta e si legge la scritta alla luce del sole che gliela stampa sulla faccia e la illumina di immenso e si, lo voglio proprio vedere che effetto le fa ,come quando si va allo zoo comunale per gridare aiuto aiuto è scappato un leone, per vedere di nascosto l'effetto che fa.
vengo anch'io! no tu no. Ma perchè. Perche no !
E NON RESPIRO. ANNASPO .

IO NON HO PAURA






Il lungo corteo avanzava lentamente verso la Basilica Minore di San Giovanni Battista.
Davanti, i bambini , splendidi nella loro tuta d'ordinanza, formavano una compatta macchia bianca mentre dietro di loro una scia dai colori scuri si muoveva ondeggiando come gli ZOMBI sul ponte di Brooklyn.
Sopra le nostre teste  donnine anziane e curiose osservavano dai loro balconi e tra i panni stesi facevano bella mostra di sè bandiere e sciarpe nerazzurre che sarebbe anche ora e tempo di togliere.
Il ciccio si staccò dal gruppo e mi prese per mano: meglio così , pensai, sei l'unico con la maglia rossa e la colpa è mia che mi sono dimenticata di dirlo a tuo padre che doveva metterti quella bianca. Quando ho torto lo ammetto sempre, peccato che raramente mi capita di avere torto. Vorrei avere torto molto più spesso dal momento che è molto più facile chiedere scusa piuttosto che mangiarsi il fegato aspettando scuse che non arrivano mai.
"Mamma quando muoio faccio il fantasma e ti vengo a trovare"
"ma che carino , così mi spaventi. No guarda, se proprio ci tieni , tira i piedi a tua sorella e poi cosa dici...stupidino!"
"Perchè, tu hai paura di morire? Io no."
"Ma certo che NON ho paura! Lo so anch'io che non si muore. L'ho fatto anch'io il catechismo..cioè , voglio dire, lo so che è così.....( più o meno, forse , magari...). Senti, quando siamo in chiesa cerca di stare composto e di non svaccarti sulla panca come fai di solito e fammi vedere le tasche, mica ti sarai portato i dischetti della Nazionale, guarda che te le suono sul serio oggi. ( ...intanto ho cambiato discorso. Che è meglio).
"No, li ho lasciati a casa i dischetti. Ho sete, dammi la bottiglietta "

Tieni la bottiglietta e poi si, io ho paura ma mi consolo pensando che non sono cara agli dei per cui penso che mi lasceranno qui ancora per un bel pezzo.
Che a pagare e a morire c'è sempre tempo.  
 
*
IL CAPPIO D'ORO E LE OSSA DA SBATTERE
Vendeva case che non esistevano e faceva soldi a palate. Si vociferava che avessero anche un maggiordomo. Lei vestiva come se dovesse fare da testimone d'onore ad un matrimonio e invece andava solo a prendere il pane. Poi smise anche di prendere il pane che tanto la sera andavano sempre al ristorante per cui il pane non era buono neanche per farlo seccare ed impanarci le cotolette.
Il pargolo era di un impacciato pazzesco; portava il papilllon a catechismo e le scarpe di D&G per giocare a calcio.
Poi venne il momento di consegnare le case.
Lui si mise un cappio intorno al collo (una robusta fune da tracking comprata a Madonna di Campiglio)e spirò dondolando appeso ad un traliccio dell'Enel.
Lei indossò un paio di occhiali PRADA e andò rifarsi tinta e messa in piega per essere in ordine il giorno del funerale.
Il pargolo si sistemò il papillon e tenne un contegno rigorosamente inglese (unplumb)come gli era stato insegnato e la madre ne fu così fiera che si regalò un cordoncino di seta con fermaglio in oro per infilarci il grosso ciondolo di giada che le aveva regalato lui prima che il cantiere fantasma uscisse allo scoperto.
Sono passata a dirti che non ci posso andare all'assemblea a scuola perchè coincide con l'orario del catechismo per cui se non ci vai tu va a finire che non ci va nessuno e poi è sempre meglio che ci vada tu che tanto io le insegnanti le vedo tutti i giorni e mi basta e mi avanza pure.
Ti ho visto mentre sbattevi quelle ossa in angolo.
Lei sotto il vestito è soltanto ossa. /se vesti firmato e superi la 38 sei ridicolo/ e lei non vuole essere ridicola.
Ho avuto un urto di vomito.
*


LA STRADA CHE NON C'è
Svegliarsi una mattina e accorgersi di aver camminato  troppo tempo su una strada che non esiste.
La rabbia di essersi stancati tanto per nulla.
Tanto valeva sedersi ed aspettare.
Come aspettare un treno perso o un vecchio tram che arrugginisce in un'autorimessa.
Come aspettare Godot.
Avrei comunque perso tempo ma almeno non mi sarei stancata.
Mi volto. Vorrei tornare indietro. Ma un dietro non c'è .
Mi siedo. Aspetto. Anche aspettare stanca.
Lavorare stanca.
Pensare che basterebbe fermarsi cinque minuti prima di stancarsi.
Non camminerò più.
La corrente mi trascinerà via.
Mi portera' là.  Dove tu non sei.

6 commenti:

  1. Bello rileggere queste parole del cuore nel silenzio surreale di questo posto.

    RispondiElimina
  2. sorrido pensando che questi assurdi posti virtuali a volte regalano begl'incontri :-)
    ti leggo ed è come averlo sempre fatto... che strano... no, no, non ci voglio neppure pensare, ché l'empatia è una pirlata che si sono inventati per giustificare l'impicciarsi dei fatti altrui.

    faccio un po' mio l'ultimo post.
    ho rinunciato a scrivere di me, l'ho fatto così tanto da averne la nausea.
    son sulla strada, qualunque sia è mia. indietro non si torna, avanti non si sa che accidenti ci sia, ma si cammina. un sorriso amaro per lo scialo.

    RispondiElimina
  3. SHADOW: caspita, sei davvero arrivata fino in all'ultimo post? Bè...grazie, sei fantastica!:)
    CARLOTTA: quando ci siete voi mi sento un pò più a casa. A volte mi sembra di sentire l'eco qua dentro...:*

    RispondiElimina
  4. ..amara...mara..ara...ra....a :))))

    RispondiElimina
  5. (però avresti dovuto pubblicarli uno alla volta...sono così belli. meritano ognuno uno spazio proprio. ecco:)
    bacio beddra!

    RispondiElimina
  6. Pensa che li avrei cencellati tutti prima o poi se non li avessi copiati qui.
    bacio acio acio cio o o o ....

    RispondiElimina