domenica 14 novembre 2010

IL MAZZIERE

La colpa fu di Nostro Signore Gesu' Cristo , credo, che diede all'uomo il dono del libero arbitrio...
In fondo non siamo altro che animali e come tali ci comportiamo. Anche gli animali soffrono, si ammalano, si accoppiano, si riproducono e comunicano. Tra di loro  essi comunicano proprio come noi. Di certo non inviano sms, mms, non hanno un blog ma molto più semplicemte comunicano , verbalmente, cosa che noi non sappiamo più fare.
Quattro cani per strada e la strada è già piazza e la sera è già notte ,se ci fosse la luna si potrebbe cantare... 
Siamo come cani. Tu sei un cane. E ti ho fatto un complimento. Chiedo scusa ai cani.
I cani non regalano fiori ma possono stare intere giornate sul davanzale di una finestra ad aspettare che torni e poi ti fanno festa. Quanto mi manca  Pippo, l'unico cane che mi abbia veramente amata.
Anche tu non regali fiori. I fiori eravamo noi. Un grande mazzo di fiori perchè una rosa non basta a profumarti la giornata. Ti servono anche i colori  e le forme, tante forme, morbide per accogliere i tuoi insani pensieri e taglienti quanto basta a farti salire l'adrenalina che ormai sonnecchia sotto un cumulo di benzodiazepine.
Ma col tempo i colori sbiadiscono e i profumi svaniscono. Hai fatto morire i fiori e ti sei messo a giocare a carte.
Per giocare a carte è sempre meglio usare il solito vecchio mazzo.
Le carte nuove scivolano tra le dita e sono dure da mischiare; le carte vecchie formano un ventaglio perfetto, si appiccicano tra di loro e si mischiano che è una bellezza.
Ho capito il tuo gioco. Un re può giocare solo a scala reale e tutte le carte hanno lo stesso valore. Dal  primo all'ultimo asso ti servono tutte e una regina di cuori non vale più di un due di picche e sei talmente cane da non accorgerti che ormai hai soltanto un ventaglio di due di picche tra le mani  e che hai già perso la tua partita.
Ti restanto gli scacchi, ma sarebbe scacco matto anche quello.

19 commenti:

  1. a me le carte niove nuove piacciono per un po'..poi non vedo l'ora che diventino vecchie...

    RispondiElimina
  2. ci sarebbe l'ippica, pure.
    (certi cani non riconosco i fiori belli come te)

    RispondiElimina
  3. Fallo diventare randagio 'sto cane che è meglio.

    RispondiElimina
  4. bellissimo questo tuo post.
    lo rileggo e poi ancora e dopo torno, forse... se trovo le parole

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. (corretta ortografia, questa nuova tastiera è un incubo per me :-D)
    son tornata a rilegere ancora una volta, volevo dirtelo, ma sono sempre senza parole...penso...
    resta che mi piace :-)

    RispondiElimina
  7. per shadow: de gustibus....;)
    per aria: ma il cavallo chi lo fa? :)

    RispondiElimina
  8. Lui, ovviamente!! che domande :))))

    RispondiElimina
  9. è che a volte leggo post, come questo tuo, e resto muta per il timore di commentare in modo troppo personalizzato mentre sento che nel post c'è molto di personale dell'altro... mi sento inopportuna, questo è :-)
    il mazzo di carte. a parte che ho pensato alle poesie di Michele Mari che mi sono particolarmente care, ho pensato che non c'è niente di più bello (e coraggioso) di un mazzo di carte nuove, da scartare davanti agli altri giocatori e far invecchiare tra le propri mani.
    ma forse non ho capito niente :-(

    RispondiElimina
  10. per aria: sono d'accordo :)
    per shadow: hai capito troppo bene...:)

    RispondiElimina
  11. uhm... allora Michele Mari ti piacerebbe
    "Cento Poesie d'Amore a LadyHawke"

    Nel cuore sì
    nella vita no

    Presumo che per dirlo
    ti sia già procurata
    un bisturi
    un barattolo
    e due litri di formalina

    RispondiElimina
  12. shadow: io ribalterei la frase: nel cuore no, nella vita si. Ma morire per questo mai! :)

    RispondiElimina
  13. eccocela!
    temevo di non riuscire più ad entrare...

    buona giornata :-)

    RispondiElimina
  14. Eccomi! aggiungete un posto al tavolo :)

    RispondiElimina
  15. mai saputo giocare a carte
    giusto a pepa tencia, ma ho rimosso :-)

    RispondiElimina